Cara Genova
 
Grigio di ardesia e bianco marmoreo viso
distendi i capelli sotto il sole verso il mare
e improvvisi un gesto che non appare vero.

Occhi incastonati nel bene che ti voglio
che si muovono lungo le correnti e sugli scogli
si fermano a guardare l'orizzonte, per tuffarsi.

Nel vicolo custode fra i palazzi come fossero
sontuose carezze materne con un figlio
della vita che trascina i passi verso casa.

Sarà riuscito Donatello a consolarti?
Questo mi ripeto, e non so darmi una risposta.
Saprai evocare la catastrofe senza dire?

Saremo degni del dono che ci hai concesso?
Senza abusare di qualche certezza venuta da lontano,
attraccata per comodità nel porto dei discorsi?

Ma intanto me ne torno indietro e mi circondo
del maestrale che questa notte sale e scende
fra le vene e attende, la domenica e le salme.

Genova, 16-11-2002
Copyright (C) 2002 Riccardo Bagnato [www.bagnato.it]
La copia letterale e la distribuzione di questo testo nella sua integrità
sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.