La solitudine
 
L'amore forse non è stato mai
da queste parti
in periferia
per cui probabilmente
non si è reso conto mai
di quanto male fa.
E non ripaga del dolore mai
come un girasole gira e ruota
intorno a una sposa gira
come una bottiglia vuota
che non vuoi più vedere
che pieghi sotto il polso,
come lei, come lo so
che può cambiare
credere che andrà tutto bene.
E allora whisky liscio osservo scemo
il mondo da un vaffanculo,
mi alzo col sorriso e mi rovescio
in qualche lacrima ferita
ricordando in mezzo alle parole,
i colori di Montmartre.
La solitudine dei re e dei preti
e quella invece che mi hai insegnato,
e mi distendo in un ricordo
a fianco dell'assenza
e mi addormento.

Milano, 02-07-2002
Copyright (C) 2002 Riccardo Bagnato [www.bagnato.it]
La copia letterale e la distribuzione di questo testo nella sua integrità
sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.