8
Modena, 12-06-1994
 
Come a parlare passando una occhiata
fastidiosa, agile, sul livido fulgido
fantasma enigmatico dal tuo letto
moribondo a un sinistro armadio
anonimo, nell'angolo negletto
dove tu guardi attraverso
la serratura ringrinzita e tenera
una luce gonfia oceanica impedirmi
il risveglio, l'esplosione, di notte
dal foro, quegli anni fissati su me,
cosa potrò dirti madre insensata?
Cosa dire a questa donna pietosa
quando mi guarderà finalmente
ma con la palpebra chiusa?

Copyright (C) 2001 Riccardo Bagnato [www.bagnato.it]
La copia letterale e la distribuzione di questo testo nella sua integrità
sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.