Una carezza nera, la notte
Berlin, 15-06-1998
 
Una carezza nera, la notte
come sulla cenere dei nostri voli
muove le ali e scopre al mattino
il bambino sua madre,
Óncora nel sonno,
che il sogno
cui aggrappa la sua ultima preghiera,
si strappa e ci blocca
e si scioglie in gola
con tutto ci˛ che fra poco finirÓ.
Poi, dolce vita che se ne va
a scuola, all'UniversitÓ forse al lavoro,
nella notte bronzea
e ci accompagna sotto terra
sommersa dall'oceano silenzioso
dei giorni lentamente nei pensieri
sospingi sulla spiaggia
come sabbia, sdraiato, infinito
qualche fantasia medioevale
in cui soffre alla brezza la bandierina.

Copyright (C) 2001 Riccardo Bagnato [www.bagnato.it]
La copia letterale e la distribuzione di questo testo nella sua integrità
sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.