Chissà chi ho amato amando
Milano, 12-03-2001

 
 
Chissà chi mai ho amato amando te,
amore fra i glicini e il sambuco
fra il grano e l'erba medica nel campo?
Fra il dolce opportuno segreto dell'erba,
fra lunghe carezze sfinite sul volto,
sul seno scoperto color madreperla
tu, il migliore fra i baci mai colto.

Chi, fra i dubbi, un sospiro mai dato
m'ha preso in prestito e rimuove
ogni mattino, ogni languido e castrato
istante che lascia e poi riprende,
di un fiore francese le spine.

Chissà chi ho veramente amato?
Forse il lento scorrere di un dubbio,
o il tacito seguirmi al passo,
quel fragile apostrofo amoroso
che il sangue suggerisce al cuore,
che il vento ha suggerito al sasso.

Chissà se ho amato? Semmai sia stata
illusione, un credo o piuttosto il fato,
chissà se amando te, non abbia osato
non abbia avuto ciò che dal passato
ogni giorno raggiunge il cuore
e lo spreme chiedendosi il perché.

Perché ancor oggi,
fra i glicini e il sambuco si nasconde,
si muove lentamente dentro a ciò che cerca
mestando e rimestando e sta,
fingendo di amare ancora la speranza,
fra i glicini e il sambuco,
fra il grano e l'erba medica nel campo
un uomo giovane e pertanto, affranto.
 
Copyright (C) 1998-2002 Riccardo Bagnato [www.bagnato.it]
La copia letterale e la distribuzione di questo testo nella sua integrità
sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.