Passerella d'addio
Milano, 01-01-1970

 
 
Il male immenso di un ricordo che scimmiotta,
di un gelo intenso e crescere nel mucchio un viso,
e in là rincorre i rivoli dagli occhi fino al cielo
senza mai sapere in fondo nella mente,
quanto soffre nel starci dietro e percorrendo,
il tragitto al contrario fino a dove il vuoto
si ritrova e prende il salto, fino al punto,
in cui in balia del caso cade e dice
"Vengo, non temere, mio tesoro" il giusto tempo.
Un piccolissimo miracolo s'avvera,
la memoria che ritorna,
a quel suono immenso e spinge,
quando il lento mescolio,
di un cuore giovane s'inebria,
e finge.
 
Copyright (C) 1998-2002 Riccardo Bagnato [www.bagnato.it]
La copia letterale e la distribuzione di questo testo nella sua integrità
sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.