I Signori del tempo
per maia
 
 
Imperatore: "Tempo giusto e senza senso
tempo bello, tempo brutto,
quando penso a te io penso:
'sacro sei, e sacro è tutto'."

Duca: "Tempo fine come un velo
tempo ratto, tempo lento
quando penso al tuo tormento
penso a un cielo dentro a un cielo."

Marchese: "Tempo mio, tempo perso
tempo gaio, tempo mesto
con te penso al tuo nefasto
scivolar dagl'occhi e lesto
sulle guance ed attraverso
nella bocca, amaro pasto."

Conte: "Tempo amante, tempo amato
tempo dolce, tempo duro
quando penso al tuo futuro
penso e basta al tuo filato
correr dentro, presto e tanto,
penso e volo e brucio e canto."

Popolo: "Tempo fermati se puoi!
Fa che non si debba noi
bestemmiar li nomi tuoi:
offriremo a te se vuoi
grano, vino e cento buoi."

Giullare: "Tempo buono, tempo bello
tempo furbo, tempo fello
tempo tondo, tempo dritto
tempo vacuo , tempo fitto
tempo sveglio, tempo stanco
tempo falso, tempo franco
fa che il cuore mio non cessi
di trovar le mogli altrui
pronte a far i loro fessi
maritini sciocchi a cui
crescan sempre sulle teste
di lumache cento ceste."
Modena, 25-12-1997
Copyright (C) 2002 Riccardo Bagnato [www.bagnato.it]
La copia letterale e la distribuzione di questo testo nella sua integrità
sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.