Oh triste, triste era la mente
(Paul Verlaine)
 
Oh triste, triste era la mente,
a causa, a causa di un'amante

Io non mi sono consolato,
benché il mio cuore se ne sia andato;

benché la mente, ed il mio cuore,
siano fuggiti da quell'amore.

Io non mi sono consolato
benché il mio cuore se ne sia andato;

Ed il mio cuore, troppo sensibile,
le ha chiesto: “E' mai possibile,

è mai possibile - lo è davvero! -
questo mio esilio, triste e fiero?”

E la mente al cuore ha detto: "So
cosa vuole questa trappola da noi, lo so,

d'esser presenti, benché esiliati,
per quanto lontano noi siamo andati?
[Cadecoppi, 02-01-2004]

Copyright (C) 2004 Riccardo Bagnato [www.bagnato.it]
La copia letterale e la distribuzione di questa traduzione, nella sua integrità,
sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.